Seo e sem perchè utilizzare entrambe in una strategia completa

Seo e sem perchè utilizzare entrambe in una strategia completa

maggio 21, 2016 | Uncategorized | di admin | 0 Commenti

Seo e Sem sono due acronimi legati ad Internet, ed in particolare ai motori di ricerca, all’ottimizzazione ed al marketing online. Detto questo spesso Seo e Sem sono due acronimi che vengono scambiati e confusi tra di loro, ma individuano due materie differenti e nello stesso tempo, per una strategia completa di posizionamento e di visibilità su Internet, devono essere applicate insieme.

Nel dettaglio, Seo sta per Search engine optimization, mentre Sem sta per Search engine marketing con gli esperti del settore che sanno che fare Sem senza Seo e viceversa ha poco senso nel raggiungimento di quelli che sono gli obiettivi. Nel dettaglio, il Sem altro non è che una tipologia di marketing che viene attuata sfruttando quelle che sono le caratteristiche dei motori di ricerca.

Come per ogni strategia di marketing che si rispetti, anche per quella sui motori di ricerca l’obiettivo è quello di rafforzare il marchio, ovverosia fare branding come si dice in gergo, ma anche fidelizzare il cliente e, soprattutto, convertire che significa portare il cliente ad acquistare un prodotto, a richiedere delle informazioni oppure a sottoscrivere un servizio. Per la Sem uno degli strumenti chiave è rappresentato proprio dalla Seo in quanto nel fissare e nel raggiungere gli obiettivi di marketing il posizionamento delle pagine sui motori di ricerca non può essere casuale ma mirato in base a quelli che sono i target prefissati.

Da un lato, in particolare, abbiamo la Seo che ha dei costi molto bassi, e che nel tempo può portare a generare volumi di traffico elevati sul sito con il rischio però che si ottenga un buon posizionamento anche per parole chiave che non sono del tutto pertinenti al mercato in cui si opera. Con la Sem, invece, i costi sono decisamente più alti per portare traffico sul sito ma si ha la certezza che questo traffico non sia generico, ma in target con il proprio mercato di riferimento in quanto basta pagare, per esempio con una campagna pay per click, affinché con le nostre parole chiave il sito appaia nelle prime posizioni dei motori di ricerca. Seo e Sem, quindi, presentano vantaggi e svantaggi, ma utilizzate entrambe in una strategia completa di marketing sono tali che sono in grado di sancire il successo di un sito Internet sotto tutti i punti di vista sopra citati, dal branding alle conversioni e passando per la fidelizzazione dei clienti. Scegli la web agency che ti sappia consigliare in tutti questi aspetti!…

APPROFONDISCI

Come fare tutto: dall’idea di Aranzulla ai siti su “how to” a 360°

maggio 7, 2016 | cultura | di admin | 0 Commenti

L’informazione basata sulla formula vincente ‘come fare’ impazza ovunque tanto che, dall’idea nata sul web, oggi anche le pubblicità sui cartelloni o su materiale cartaceo prendono sempre più spunto da questa nuova tattica informativa per attirare l’attenzione dei lettori e del pubblico.

Come è nata l’idea di intitolare un articolo che ha il sapore della soluzione immediata e amichevole e che ha conquistato tutti?

Ufficialmente (ed a furor di popolo) l’idea è spuntata dall’iniziativa di Salvatore Aranzulla, blogger e divulgatore informatico che conta ormai milioni di lettori e di pagine viste ogni mese nel suo sito Internet omonimo fondato nel 2002.

Dal 2008, è impegnato nella storica rubrica tecnologica di Virgilio e dal 2014 lavora anche per Libero. E’ stato il primo a rivelarsi un vero esperto del ‘dove-come-quando-perché’: sa dare risposte chiare e veloci a tutti i suoi utenti/seguaci che in rete cercano aiuto informatico.

Dal come fare informatico a come fare tutto

Il lavoro di Aranzulla funziona più o meno così: capta dubbi ed esigenze del momento e scrive il suo articolo ‘come fare a’ (how to, in inglese) facendosi le domande e dando le risposte. Cerca di scrivere tutto ciò che i lettori gli chiedono nel settore della tecnologia e dell’informatica e lo fa usando uno stile semplice, chiaro, dal tono amichevole e scorrevole.

Sa che un problema, finché non si risolve, non può essere definito banale.

E’ un principio valido per qualsiasi cosa, domanda, dubbio e questo lo sa bene il sito http://come-fare-tutto.it impegnato a dare una risposta a tutti i come e perché: suddividendo gli articoli informativi in sezioni principali (Casa, Persona, Animali, Cucina, l’immancabile Tecnologia e Varie), questo portale pubblica (di tutto) di più e non si limita al pianeta tech, cerca di risolvere quesiti o dubbi a chiunque stia cercando una soluzione veloce al suo piccolo o grande problema.

Cerca di farlo e lo fa con semplicità, chiarezza e nel modo più esauriente possibile.

Chiarezza e velocità nel pubblicare

Che si tratti di ‘come fare’ dedicato alla tecnologia o di un how-to che riguarda tutto, il segreto di un discreto successo di visite è dato da due ingredienti: la chiarezza nell’esporre la soluzione e l’estrema velocità nel pubblicare i post. Sono questi i due punti di forza per siti del genere, che Google apprezza parecchio visto che, nel caso del super blog di Aranzulla, lo posiziona al primo posto nel motore di ricerca anteponendolo anche a Softonic.

I siti di ‘come fare’ efficienti e ben strutturati possono funzionare molto bene.

Nel caso di Aranzulla, lui pensa alla necessità del momento da risolvere, dà la risposta, la pubblica e fa numeri da record: 6 milioni di utenti unici, 9 milioni di visite, 12 milioni di pagine visualizzate ogni mese scrivendo meno di 5000 articoli.

Perché? Perché lui prima si chiede se vale la pena scrivere su questo o quell’argomento in quel preciso momento, analizza le tendenze, la sua divulgazione è mirata. Ecco ‘come fare’…

APPROFONDISCI

Rimedio naturale al reflusso gastrico

maggio 7, 2016 | cultura | di admin | 0 Commenti

Si può sconfiggere il reflusso gastroesofageo in modo naturale? Grazie all’esperienza condivisa da molti sembra proprio di si, ed in questo articolo fornirò uno dei rimedi naturali che più hanno avuto successo tra chi lo ha testato.

In giro nel web è facile trovare diverse fonti, che contengono per il reflusso gastroesofageo rimedi che possono prevenire o addirittura eliminare completamente tale patologia.

C’è da dire che non tutto funziona per tutti, ogni persona ha una diversa reazione a qualunque rimedio che non sia un farmaco, e che la causa scatenante di tale problematica è il malfunzionamento del cardias, che è una piegatura della mucosa tra esofago e stomaco che filtra il passaggio degli alimenti in discesa verso lo stomaco e non consente la risalita degli stessi nell’esofago. Un suo malfunzionamento dunque non garantisce il filtraggio in risalita, cosa che fa si che si verifichi molto spesso la risalita degli acidi gastrici prodotti.

Conoscendo la causa principale di reflusso gastrico, vien più facile capire come mai esso possa verificarsi in modo da prendere precauzioni. Il malfunzionamento del cardias può avvenire a causa di un eccessivo peso corporeo, o a causa di determinati tipi di alimenti ingeriti e dunque una cura preventiva potrebbe essere una dieta alimentare che consenta allo stesso tempo di perdere il peso in eccesso e di ingerire i cibi giusti.

Per una dieta ovviamente ci sentiamo di rimandare ad un dietologo che sicuramente saprà consigliare anche cibi anti reflusso, ma se davvero questa patologia ed i suoi sintomi sono fastidiosissimi si può provare a porvi rimedio con questo ritrovato assolutamente naturale.

<h2>Banane contro il reflusso</h2>

Proprio così! Sebbene in molti documenti web si affermi che la banana non è un cibo anti-reflusso gastrico, dobbiamo smentire tali affermazioni grazie all’esperienza di molte persone che hanno accertato il contrario sulla propria pelle.

Il motivo per il quale qualcuno dice che le banane non sono utili per sconfiggere il bruciore di stomaco, è che si fa di tutta un erba un fascio e non si è a conoscenza di come bisogna mangiare le banane per rimediare a questa patologia.

Va detto che le banane che non sono utili a prevenire il reflusso sono quelle di Platano, o quelle comunque troppo acerbe (dal caratteristico colore tendente al verde). Le banane che comunemente vengono commercializzate in Italia invece, possono contribuire a migliorare la situazione acida nel tratto digestivo. Vanno però assunte banane che siano lasciate maturare per diversi giorni, si consiglia in genere di mangiarle quando la loro buccia inizia ad assumere a chiazze il colore nero (segnale che la banana è matura).

Per far si che esse siano un rimedio e non un ossessione, bisogna consumarne una al giorno possibilmente un oretta prima del pasto principale. Il contenuto chimico della banana, presenta in esso molte sostanze antiacido e dunque riesce a creare un cuscinetto contro un’acidità superiore alla norma che di solito porta a patire i sintomi del reflusso.

Ovviamente tale rimedio è consigliato per chi può mangiare la banana e non per i soggetti che in qualunque modo possano essere allergici o intolleranti a tale frutto, o che comunque sappiano che per loro è vietato. Si può provare a mangiare una banana al giorno per un tempo di una settimana, se i sintomi persisteranno allora sarà il caso di desistere perché vorrà dire, che siete tra le persone alle quali questo rimedio naturale non fa alcun effetto. Se invece riuscite a risolvere il fastidio recato dalla patologia, allora sarebbe il caso di condividere questo articolo con amici, potrebbero averne bisogno anche loro.…

APPROFONDISCI

Prestiti personali: 5 aspetti a cui prestare attenzione

maggio 7, 2016 | cultura | di admin | 0 Commenti

Il mercato dei prestiti presenta delle offerte in continua evoluzione, soprattutto grazie al suo recente allargamento in direzione dei finanziamenti online, spesso dotati di condizioni più accessibili e tassi più convenienti per i contraenti. Con il moltiplicarsi delle proposte, aumentano tuttavia i rischi di incorrere in offerte che si possono rivelare successivamente meno attraenti del previsto. Vediamo insieme cinque fattori da tenere in considerazione al momento della scelta dell’istituto per un prestito personale.

Sembrerebbe banale ricordarlo, ma il primo passo consiste in una riflessione circa l’effettiva necessità del prestito: ne abbiamo veramente bisogno? O è possibile raccogliere la stessa somma con alcune strategie di risparmio, o rivolgendosi a parenti ed amici? Poiché qualsiasi finanziamento costituisce un vincolo ben preciso con l’istituto di credito, è importante valutare questo aspetto prima di decidere di chiedere un prestito.

Una volta presa la decisione di richiedere un prestito personale, è ugualmente importante valutarne l’entità. Spesso i richiedenti tendono a calcolare delle somme superiori a quelle effettivamente necessarie, spinti a volte dall’apparente convenienza delle condizioni del prestito. Al momento della decisione dell’importo da richiedere, è essenziale riflettere sulla capacità di restituire la somma senza patire particolari pressioni tramite il pagamento puntuale delle rate mensili.

Come detto, le offerte sono variegate, specie sul web: ma di chi possiamo fidarci? É sempre opportuno verificare le credenziali dell’istituto, reperendo nel sito ufficiale, che dovrà essere chiaro e trasparente, tutte le informazioni circa la sua sede legale, le autorizzazioni e le licenze possedute. Risulterà utile dedicare del tempo inoltre ad una ricerca di opinioni, feedback e recensioni da parte di utenti che si sono già rivolti alla società.

Quando si valutano le condizioni di un prestito, sarebbe un errore limitarsi solamente all’analisi del tasso d’interesse annuo: esistono infatti altri indicatori che dovrebbero essere tenuti in considerazione, come il TAEG (ossia il costo totale del finanziamento), l’eventuale assicurazione e i “costi nascosti”.

Infine, è sempre consigliabile approfondire la ricerca, reperire almeno 3 o 4 diverse proposte di prestito personale e comparare le loro caratteristiche. Limitarsi solamente ad un’offerta, anche se ritenuta vantaggiosa, non consente infatti di comprendere pienamente la reale convenienza del finanziamento proposto.…

APPROFONDISCI

Le offerte Rainbow Magicland + Hotel

maggio 7, 2016 | cultura | di admin | 0 Commenti

A Valmontone sorge il Parco Giochi Rainbow Magicland, senz’altro il parco divertimenti più grande e importante dell’Italia centro meridionale. Il parco di Valmontone ospita ogni anno più di un milione di visitatori, persone appassionate di questo genere di attrazioni.

La maggior parte di queste persone, prima di procedere alla prenotazione, effettua delle ricerche su internet a caccia di qualche ghiotta offerta che possa permettere loro di acquistare il biglietto a prezzo scontato e di alloggiare in un Hotel o Bed and Breakfast che sia il più vicino possibile al parco giochi.

Su internet, troviamo diverse opportunità: dalle offerte del parco Rainbow Magicland stesso alle offerte delle singole strutture ricettive. In mezzo al marasma delle proposte spuntano però dei portali interessantissimi che permettono di acquistare in un’unica soluzione, biglietti e soggiorno.
Tra i più conosciuti ed affidabili, troviamo i siti www.magicvalmontone.it e www.valmontone-magic-hotel.it.

Su questi due portali, è possibile inviare un’email unica a tutte le strutture in vetrina e ricevere quindi diverse offerte tra cui poi andare a scegliere quella che reputiamo migliore.
A dire il vero, magicvalmontone.it è più completo rispetto all’altro ( ma si potrebbe dire anche che l’altro è più specifico per le offerte Rainbow Magicland) . Se infatti “valmontone-magic-hotel” propone soprattutto pacchetti hotel + rainbow magicland, magicvalmontone.it propone offerte per tutti i parchi divertimento del Lazio: Rainbow Magicland, Zoomarine, Hydromania, Cinecittà World, Bioparco e, in ultimo, una particolare attrazione che si trova a poca distanza da Valmontone chiamata Flying in the Sky..

Questi parchi si trovano nelle vicinanze di Roma. Zoomarine è un divertentissimo parco acquatico con tanto di giostre, attrazioni, scivoli, piscine, animali e spettacoli, sulla costiera romana e precisamente a Torvajanica, una frazione di Pomezia.

Hydromania è un’oasi verde nella zona chiamata Casal Umbroso (Roma), ed offfre scivoli, attrazioni, spettacoli, intrattenimento bambini ed una spiaggia si 2000 mq in teak dove rilassarsi sotto il sole.

Cinecittà World è l’ultimo nato tra i parchi divertimento laziali. Un parco a tema con il cinema che si trova a Castel Romano (Roma) e che conta 24 attrazioni divise nei vari set cinematografici (così vengono chiamate le diverse aree del parco).

Il Bioparco invece si trova al centro di Roma ed è lo storico Zoo della capitale, rinnovato e modernizzato. E’ molto carino e propone diverse attività per famiglie con bambini.

Flying in the Sky è un “volo dell’angelo” lungo più di 2200 metri (2,2 chilometri!), il più lungo del mondo. Sta a Rocca Massima, in provincia di Latina. Si viene imbracati e appesi ad una corda d’acciaio ed infine ci si lancia nel vuoto con punte di velocità che toccano i 150 chilometri all’ora. Il volo è prenotabile anche in coppia (per la serie San valentino col brivido!).

Tornando alle offerte proposte per il parco giochi Rainbow Magicland di Valmontone, il portale magicvalmontone parte con la combinazione hotel + parco da 45 euro. Minore di un euro è l’offerta pubblicizzata su valmontone-magic-hotel (44 euro).

Andando ad approfondire, entrambe le offerte sono valide per le prenotazioni in quadrupla. Per la doppia il prezzo sale a 49 euro. Per concludere, le strutture presenti su magicvalmontone, ospitano i bambini fino a 3 anni gratuitamente.…

APPROFONDISCI

I vantaggi del piercing di vetro

maggio 7, 2016 | cultura | di admin | 0 Commenti

Uno dei materiali meno utilizzati quando si parla di piercing è il vetro. Ma questo particolare materiale può offrire tanti vantaggi soprattutto per coloro che hanno il terrore di contrarre complicazioni per la pelle interessata dal foro.

Il vetro è infatti uno dei materiali maggiormente anallergico e neutro, capace quindi, di evitare qualsiasi insorgenza di infezioni o infiammazioni nella zona del corpo sul quale viene installato il piercing. Innanzitutto c’è da sottolineare che quando si parla di vetro che compone un piercing non si intende il classico vetro che conosciamo comunemente, ma di un materiale davvero difficile da rompere e se proprio dovesse incorrere in spaccature, la composizione fa in modo che non si riduca in tanti piccoli pezzi che potrebbero risultare davvero pericolosi per la nostra salute. Il vetro può essere utilizzato, inoltre, per tutti i tipi di piercing, con le dovute precauzioni.

I piercing composti da vetro, però, sono spesso di dimensioni superiori e con un peso maggiore rispetto al classico titanio usato comunemente. Essendo un elemento caratterizzato da un peso maggiore è sconsigliabile applicarlo in parti delicati o in fori di ridotte dimensioni semplicemente perché tende a dilatare il buco con un’inevitabile spinta verso il basso; queste caratteristiche lo rendono, quindi, poco adatto alla guarigione e per coloro che vogliono mantenere intatte le dimensioni del proprio foro, senza antiestetiche dilatazioni.

Tornando ai vantaggi di questo materiale uno dei principali è sicuramente la poca porosità del piercing che quindi risulta notevolmente facile da pulire sia attraverso l’utilizzo dell’alcol, ma in alcuni casi, anche con la bollitura in autoclave o con normalissima acqua distillata. Non da meno l’aspetto estetico: il vetro è uno dei materiali più gradevoli ed eleganti per il nostro corpo. Molto utilizzati, ad esempio, sono i piercing a forma conica o a spirale che con colori sgargianti dal rosso al blu al verde possono davvero attirare l’attenzione.

Fonte: http://tatuaggipiercing.it/

APPROFONDISCI